• Mani e Piedi > Perché le unghie diventano gialle? Conosciamone le cause delle unghie gialle

Perché le unghie diventano gialle? Conosciamone le cause delle unghie gialle

Tempo di lettura: 4 minuti

Le unghie si possono ammalare: uno stile di vita poco salutare, abitudini sbagliate, possono portare al manifestarsi di una vera e propria patologia. Spesso, la comparsa di una discromia ungueale non ha cause facilmente intuibili. All'inizio, infatti, si tende a sottovalutare un piccolo cambiamento nel colore delle nostre unghie, ma se il disturbo non viene trattato in fretta può peggiorare. Per questo sarebbe opportuno prestare attenzione anche ai sintomi più lievi.

Innanzitutto, è bene chiarire che le unghie gialle sono un inestetismo molto diffuso al giorno d'oggi, noto con il nome di Xantonichia. Una vera e propria alterazione cromatica che può verificarsi sia per cause patologiche, sia per il ripetersi di abitudini scorrette e atteggiamenti comportamentali sbagliati. Valutata l’entità del disturbo, è sempre opportuno consultare il proprio medico, dal momento che alcune cause legate a determinate patologie non possono essere diagnosticate senza un esame accurato. Conoscendo i sintomi possiamo però cominciare ad escludere alcune delle cause del problema.

Lamina ungueale ingiallita: che cosa provoca le unghie gialle

La cosa più importante da sapere, è che inizialmente l’insorgere di una discromia della lamina ungueale può passare inosservata. Infatti, l’ingiallimento delle unghie ha un’evoluzione per lo più asintomatica, riconducibile allo stato di salute dell’organismo in generale.

quali-sono-le-cause-delle-unghie-gialle Perché le unghie diventano gialle? Conosciamone le cause delle unghie gialle

Una regola da tenere sempre presente, se si dovesse sospettare di soffrire di questo disturbo, è quella di non allarmarsi. Infatti, le cause dell’ingiallimento della lamina ungueale sono molteplici, e come accennato, non tutte riconducibili a una patologia grave. In secondo luogo, è sicuramente consigliabile stabilite, con il proprio medico di base, una familiarità o predisposizione all'insorgere di questo disturbo.

Una volta escluse le cause ambientali e comportamentali, indagare se si rientra in una categoria di soggetti particolarmente vulnerabili, come succede in seguito a traumi di varia entità, malattie infettive, oppure casi particolari riguardanti soggetti immunodepressi.

Il fumo di sigaretta è una delle cause più comuni

Una delle cause più frequenti di ingiallimento della lamina ungueale è da attribuire al tabagismo. Il fumo di sigaretta, e in particolare la nicotina, tendono nel tempo a causare l’ingiallimento progressivo delle unghie. A causarlo, è soprattutto il modo in cui si è abituati a tenere la sigaretta. Un escamotage per evitare di tingere le dita in quanto fumatori, è quello di allontanare indice e medio nel momento in cui si porta la sigaretta alle labbra. È l’operazione di inspirare le sostante contenute nel tabacco, infatti, che porta ad un graduale inestetismo sulle dita delle mani.

Questo accorgimento, permette di capire se il disturbo è direttamente collegato al vizio del fumo, oppure no. Se le macchie di nicotina su dita e unghie regrediscono spontaneamente una volta cambiata abitudine, l’ingiallimento ungueale non era un sintomo tale da destare preoccupazione, basta solo cambiare un po' le nostre abitudini.

quali-sono-le-cause-delle-unghie-gialle Perché le unghie diventano gialle? Conosciamone le cause delle unghie gialle

Che cosa metti nelle unghie?

Un altro comportamento da non sottovalutare, è l’abitudine a mettere lo smalto, soprattutto se fra un’applicazione e l’altra non passa un tempo sufficiente a far riposare adeguatamente l’unghia. L’uso di prodotti non testati e di provenienza non certificata, unitamente a smalti dai pigmenti intensi e scuri, potrebbero infatti causare l’alterazione del pigmento ungueale. In particolare, smalti contenenti formaldeide, un ingrediente piuttosto nocivo che, legandosi alla cheratina dell’unghia ne altera il colore.

In questo caso, l’applicazione di un top coat, ovvero una base protettiva che protegge le unghie prima di utilizzare lo smalto. Una volta valutata l'entità della reazione e la gravità della variazione di pigmento ungueale, è possibile anche capire se adottando gli accorgimenti necessari il disturbo regredisca o meno. Nel caso non dovesse passare, nemmeno dopo la sospensione d'utilizzo di cosmetici che possono causare un ingiallimento delle unghie, è opportuno consultare il proprio medico.

Le unghie gialle: quando il disturbo è indice di una patologia

Nonostante all'inizio l’ingiallimento delle unghie sia un fenomeno del tutto asintomatico, non bisogna sottovalutare questo importante cambiamento dell’aspetto delle unghie. Le cause di una simile discromia, infatti, possono essere di natura patologica. Infatti, le unghie gialle possono indicare la presenza di onicomicosi,ovvero la un'infezione micotica dovuta a funghi in uno stadio più o meno avanzato. Oltre a essere sintomo di patologie complesse come insufficienza a carico del sistema linfatico, diabete, o alterazioni del metabolismo epatico, le unghie gialle evidenziano lo status tipico di pazienti sieropositivi o malati di AIDS.

La sindrome delle unghie gialle

Fra le molteplici cause che alterano la colorazione della lamina ungueale, vi è una vera e propria patologia nota come “sindrome delle unghie gialle”. Si tratta di una malattia rara, che si manifesta non solo con l’ingiallimento delle unghie, ma che si accompagna a disturbi respiratori e a una condizione definita dall'accumulo di linfa nei tessuti sottocutanei, nota come linfedema primitivo.

Le unghie cominciano ad avere un caratteristico aspetto ispessito, e i sintomi si legano a una graduale diminuzione della crescita dell’unghia. È anche possibile che i sintomi regrediscano spontaneamente, mentre in alcuni pazienti siano così marcati da deformare l’unghia intera e portare ad onicolisi, ovvero la perdita completa dell’unghia. Per valutare la gravità dello stato patologico di questa sindrome, è opportuno affidarsi a una visita specialistica, trattandosi di una patologia davvero poco comune. Il consulto con il medico curante, infatti, rimane l’unico metodo di diagnosi definitiva quando il problema della Xantonichia non è dovuto a cattive abitudini, in modo ad individuare velocemente e con precisione la causa del disturbo, e di intervenire al più presto con una terapia mirata. Se invece il problema è puramente di carattere estetico e non è sintomo di patologie più gravi vi consiglio di seguirci sui nostri Social Network o iscrivervi qui sotto alla Newsletter nei leggere il nostro articolo sui rimedi naturali per le unghie gialle che uscirà tra due giorni qui su Benessere Fai da Te.

Approfondimenti sulle unghie gialle:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.