• Mani e Piedi > Cause e rimedi per i dolori ai polsi e alle caviglie

Cause e rimedi per i dolori ai polsi e alle caviglie

Cause e rimedi per i dolori ai polsi e alle caviglie
Vota questo articolo

Tempo di lettura: 4 minuti

Vi capita mai, di cominciare improvvisamente a sentire un leggero dolore ai polsi e alle caviglie? Magari durante una normalissima giornata in cui, apparentemente, non avete fatto alcun tipo di sforzo? Magari non ci ponete nemmeno troppa attenzione, ma col passare dei giorni il dolore si intensifica impedendovi di svolgere le vostre quotidiane attività. Di solito questo tipo di dolore articolare non si presenta senza una causa, nei casi meno gravi sparisce dopo qualche giorno senza lasciare alcuna traccia, proprio come è arrivato, ma può essere sintomo di qualche problema più importante ed in tal caso la situazione si complica.

Prima di lanciarci alla ricerca delle cause alla base del dolore però è il conoscere meglio il modo in cui funzionano le nostre articolazioni per capire dove andare a scovare i responsabili dei nostri dolori.

La struttura di polsi e caviglie

Il polso è una struttura piuttosto complessa formata da un gran numero di ossa, ben otto, che partecipano alla composizione di quella struttura tra la mano e l'avambraccio che si piega in maniera molto flessibile per permettere i movimenti della mano stessa. Formato da ossa, legamenti e tendini, le cause del dolore solitamente vanno ad interessare questi elementi.

Tra le cause principali del dolore ai polsi possiamo annoverare: tendiniti, artriti e distorsioni, ma anche la famosa sindrome del tunnel carpale.

Le caviglie non si discostano molto dai polsi in quanto a struttura e flessibilità sono formate da soli tre corpi ossei: il perone e la tibia che fanno parte della gamba e l'astragalo che invece si trova nel piede.

L'articolazione della caviglia è ricca di tessuto cartilagineo e legamenti per favorirne la flessibilità e possiede anche una capsula articolare rivestita da un liquido lubrificante che riduce di molto l'attrito osseo e favorisce ancora di più la fluidità del movimento.

Quali sono le cause del dolore ai polsi e caviglie

In questa sezione cercheremo di capire quali sono le cause delle principali patologie che provocano dolore a polsi e caviglie distinguendo ovviamente i casi più blandi e meno gravi da quelli che necessitano di un consulto medico per essere trattati correttamente: non fate gli ipocondriaci! Se avete meno di 30 anni e soffrite di dolore alle articolazioni da qualche giorno è molto improbabile che si tratti di una malattia grave, ma in ogni caso è buona norma tenersi informati e per affrontare ogni imprevisto con consapevolezza.

struttura-delle-caviglie

 

Per quanto il dolore sia, almeno in apparenza, sempre lo stesso, le cause scatenanti possono comparire per fattore anche molto diversi fra loro, per questo motivo qui di seguito vi lascio una lista di possibili cause, dividendo in cause patologiche e cause non patologiche:

Cause non patologiche

  • Banalmente il freddo è uno dei principali responsabili del dolore a polsi e caviglie, irrigidendo le articolazioni e riducendo così la mobilità, in questo caso non c'è di che preoccuparsi, basta scaldare la zona e il dolore passa nell'arco di qualche ora.
  • Un infiammazione può essere causata da diversi fattori, in primis un trauma, magari durante un'attività sportiva o qualcosa di più grave come una patologia, state sempre attenti a questo tipo di disturbo, tenendo conto della durata del dolore articolare. Cercate di ricordare se avete fatto sforzi eccessivi nei giorni precedenti alla comparsa. Se si tratta di una semplice infiammazione passerà nell'arco di una settimana massimo, meno se utilizzate le creme giuste. Se invece il dolore persiste vi consiglio di sentire il vostro medico di base.
  • La gravidanza porta con se un gran numero di problemi, esclusi gli sbalzi ormonali che creano numerosi scompensi anche a livello fisico, la sensibilità delle articolazione viene messa a dura prova dal peso aggiuntivo del futuro nascituro che grava in particolar modo sulle caviglie.
  • L'artrosi è un disturbo che colpisce le articolazioni, causando la perdita di cartilagine tra le giunture e conseguente produzione di tessuto osseo provocando dolore e ricucendo molto i movimenti. L'artrosi è un problema strettamente correlato con l'età e può cominciare a comparire a partire dai 40 anni circa, anche se è molto più diffuso in età avanzata, tra i 70 e i 75. Ho deciso di mettere qui l'artrosi perché non si tratta di una vera e propria patologia ma di un disturbo dovuto prevalentemente all'età.

Cause patologiche

  • Tra le cause patologiche troviamo l'obesità, il peso in eccesso infatti va ad aumentare lo stress articolare con conseguente infiammazione e dolore.
  • Osteoporosi è una patologia che provoca l'indebolimento del tessuto osseo con conseguente incremento del rischio di rottura delle ossa stesse, questo indebolimento avviene sia per quanto riguarda lo spessore sia per la qualità del tessuto osseo.
  • Per quanto banale anche l'influenza può provocare dolore alle articolazioni di polsi e caviglie, non è fatti strano che l'infiammazione influenzale possa andare ad intaccare anche muscoli ed articolazioni, in questo caso il dolore dovrebbe passare nell'arco di qualche giorno dopo aver curato l'influenza.
  • L'artrite è un'infiammazione che interessa le articolazioni, ne esistono innumerevoli tipi ma la più comune è l'artrite che colpisce e lesiona la cartilagine di polsi e caviglie aumentando l'attrito tra le ossa.
  • Anche l'osteoporosi può provocare dolore alle caviglie e ai polsi, si tratta di una grave patologia che riduce la consistenza ossea a causa della perdita di proteine e minerali nelle ossa rendendoli più fragili e soggetti a fratture. L'osteoporosi si può contrastare parzialmente con un alimentazione adatta ma, se abbiamo qualche sospetto di soffrire di questa patologia, è meglio sentire il medico per trovare una terapia su misura per noi.

Esercizi per polsi e cavigliestruttura-delle-caviglie

Indubbiamente rinforzare polsi e caviglie è un'idea saggia per prevenire eventuali dolori, si tratta comunque di una strategia preventiva quindi se il problema si è già presentato vi sconsiglio di cominciare questi esercizi, senza prima conoscerne le cause, potreste aggravare la situazione:

  • Lo stretching è essenziale prima di qualsiasi attività fisica per evitare strappi ed infortuni più gravi, ma è anche un ottima idea se vogliamo mantenere le articolazioni più flessibili, provate almeno una volta al giorno ad eseguire delle piccole rotazioni dei polsi, ne bastano una decina per mano, dopodiché fate la stessa cosa da seduti per le caviglie.
  • In palestra di solito si consiglia questo esercizio per lavorare sui polpacci ma voglio riproporvelo qui per irrobustire le vostre caviglie. Mettetevi in posizione eretta, gambe leggermente aperte, ergetevi in punta dei piedi per una decina di secondi, poi tornate giù coi talloni, eseguite il movimento per dieci volte. Se volete rendere le cose più interessanti eseguite questo esercizio su un gradino, ponendo il tallone fuori dal bordo, ma fate attenzione.
  • Se avete a casa un piccolo peso da uno o due chili potete effettuare dei leggeri sollevamenti con i polsi, adagiate l'avambraccio su un piano ed eseguite il movimento molto lentamente per tre serie da 10 movimenti, intervallando ogni serie da una pausa di almeno trenta secondi, poi cambiate mano.
  • Per quanto riguarda le caviglie invece potete effettuare dei leggeri saltelli in punta dei piedi, se la cosa vi diverte potete saltare la corda, non è solo un ottimo esercizio per le articolazioni ma anche un bel riscaldamento se eseguito per più di 5 minuti.
  • Anche i massaggi sono un'ottima soluzione per polsi e caviglie, potete eseguire un massaggio fai da te utilizzando pollice ed indice per esercitare una leggera pressione alla base del polso.

 

 

 

Cause e rimedi per i dolori ai polsi e alle caviglie
Vota questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *