• Lifestyle > Come e quanto camminare per dimagrire e bruciare il grasso corporeo

Come e quanto camminare per dimagrire e bruciare il grasso corporeo

Tempo di lettura: 3 minuti

Basta guardarsi un po' in giro e per le strade della città, sulle vie di campagna e sui lungomari inondati dal sole primaverile: è veramente frequente imbattersi in persone di ogni età, sesso, da sole o anche in compagnia che camminano a passo sostenuto per ritrovare il peso forma.

Ma è veramente così? Si dimagrisce camminando? Quanti chili si possono perdere? Dopo quanto tempo cominciano a vedersi i primi risultati? Andiamo con ordine e cerchiamo di rispondere a ogni domanda cercando di essere quanto più esaustivi o quanto meno chiari. Camminare è una delle attività più benefiche e uno dei regali più belli che possiamo fare al nostro corpo e alla nostra mente. Camminare è un'attività che non comporta spese sostenute di iscrizione in palestra e acquisto attrezzature: basta un paio di scarpe di buona qualità e delle cuffiette per ascoltare della buona musica durante il percorso. Si può camminare a tutte le ore e non siamo sottoposti a orari come in palestra: per questo camminare è l'ideale attività per chi lavora tutto il giorno e in modo flessibile sa quando ricavarsi del tempo per uscire gestendo al meglio l'impegno.

Quali sono i vantaggi del camminare

Camminare attiva il metabolismo e se effettuiamo una camminata in modo costante cominciamo a bruciare grassi. Ovviamente questo beneficio implica che comunque si deve accompagnare alla camminata anche una sana alimentazione, limitando il consumo di grassi, zuccheri, bevande zuccherine e gassate, dolci, cibi conservati e industriali, farine bianche e raffinate. La passeggiata è un complemento prezioso nell'ambito di uno stile di vita sano.perdere-peso-camminando Come e quanto camminare per dimagrire e bruciare il grasso corporeo

Camminando regolarmente si acquista massa muscolare e tutti sappiamo che i muscoli si fanno spazio a scapito delle riserve di grasso. E della passeggiata ne beneficia anche il cuore che si mantiene in forma: la camminata è un valido aiuto per mantenere sotto controllo la pressione alta, il colesterolo, il diabete e le malattie cardiovascolari.

Dobbiamo ancora convicervi che camminare fa bene? Certamente no, perchè è davvero evidente che stiamo facendo un esercizio adeguato che migliora anche lo stato d'animo riducendo lo stress e le tensioni.

Come cominciare a camminare per dimagrire?

Per i neofiti della camminata ecco un programma per iniziare: tenete duro perchè nel giro di un mese e mezzo, massimo due, comincerete a vedere dei risultati tangibili. Si tratta di un programma semplice ma anche molto efficace.

  • Prima settimana: per i primi 5-6 giorni camminate per 15 - 20 minuti al giorno arrivando alla fine della settimana con mezz'ora di passeggiata. Se siete dei principianti forse proverete un po' di fatica. Non mollate! Presto la camminata diventerà una sana e irrinunciabile abitudine.
  • Seconda settimana: scendete tutti i giorni e camminate per mezz'ora. Scoprite la piacevolezza di un allenamento regolare e costante.
  • Terza settimana: vi sentite già più in forma, vero? E allora cominciate ad aumentare il passo e vedete che nell'arco di mezz'ora sicuramente coprite una distanza più lunga. Una buona idea potrebbe essere quella di scaricare sul vostro smartphone una di quelle app che vi aiutano a monitorare tempi e distanze e a vedere quante calorie abbiamo consumato. Runtastic ad esempio è usata da moltissimi utenti con i quali condividere i risultati raggiunti e motivarsi reciprocamente. Camminiamo per 30 - 40 minuti con continuità e senza pause: l'ideale sarebbe tutti i giorni ma se non è possibile almeno tre volte a settimana. Alla fine della terza settimana dovremmo già essere in grado di sostenere 40 - 45 minuti di camminata.
  • Quarta settimana: le gambe sono allenate, abbiamo sicuramente già perso peso. L'andatura è veloce e armoniosa. Possiamo continuare a ottenere benefici camminando per almeno 50 minuti. Un allenamento costante nelle settimane precedenti ci ha portato sicuramente a sentirci meglio. E' il momento di continuare per raggiungere i propri obiettivi.perdere-peso-camminando Come e quanto camminare per dimagrire e bruciare il grasso corporeo

A che velocità camminare per bruciare i grassi?

Ebbene qui occorre fare alcune riflessioni. Uno studio italiano, condotto dalla Clinica Pediatrica dell’Università di Verona e pubblicato sull'autorevole rivista scientifica Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism ha stabilito che la camminata costante a 4 km/h, è la "velocità" ideale per sciogliere le riserve adipose e per consumare calorie provenienti proprio dai grassi. Un movimento non molto intenso, infatti, fa sì che l'organismo attinga dai depositi di grasso. Viceversa una sforzo maggiore (una camminata più veloce o una corsa) fanno preferire all'organismo, come fonte energetica, i carboidrati. Quindi in sintesi, passeggiando si consumano grassi.

Quando cammini mantieni le spalle dritte e la testa alta. Guardati intorno, il movimento libera le endorfine e mette di buonumore. Scegli un paesaggio suggestivo: il verde dei campi, il silenzio dei boschi ma se hai la fortuna di abitare in riva al mare, scendi sul lungomare e liberati dai pensieri negativi. E' il modo migliore per recuperare calma e serenità, per fare del bene al proprio spirito, per riacquistare fiducia. Non c'è migliore allenamento cardiovascolare: inoltre anche se apparentemente non sembra, sono coinvolte anche le braccia e in generale tutto il corpo. Quindi tutta la silhouette apparirà più scolpita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.