• Corpo > Tutti i rimedi per prevenire e far passare il mal di testa cervicale

Tutti i rimedi per prevenire e far passare il mal di testa cervicale


Tutti i rimedi per prevenire e far passare il mal di testa cervicale
Vota questo articolo

Tempo di lettura:5 minuti

Il mal di testa cervicale colpisce ogni anno ben 2.700.000 persone solo nel nostro paese, senza distinzione di sesso ed età. Può infatti colpire i giovani, gli adulti e gli anziani dei due sessi, con una lieve predominanza per quanto riguarda le donne. Spesso però, pur essendo un disturbo molto diffuso, non si conoscono bene le cause della sua insorgenza e questo non permette la risoluzione della problematica che, nei casi più gravi, può diventare anche invalidante.

Anche tu soffri sporadicamente di mal di testa da cervicale, al collo e alle spalle con il tipico irrigidimento che ti fa sentire come se il collo e la testa siano di marmo? E magari non sai come trattare questo disturbo se non ricorrendo a farmaci per ridurre l'infiammazione? In questo articolo analizzeremo nel dettaglio le cause e i rimedi per trattare questo disturbo.

Cause del mal di testa da cervicale

Per combattere i dolori del tratto cervicale, è necessario conoscerne le cause: innanzitutto, tra le cause primarie troviamo la postura. In special modo ai nostri giorni, in cui sempre più spesso si passano ore seduti davanti a un computer, sia per lavoro che per divertimento, appare logico come, con il passare delle ore, si assumano posizioni non esattamente salutari.

  • Ci si pensa poco effettivamente, ma è prioritario riflettere su come, e dove, ci si siede quando si passano ore al PC: la sedia è quella giusta? L’altezza del tavolo? Il mouse causa infiammazioni alla mano e al braccio e quindi, al tratto cervicale? Rispondendo a queste domande, si può avere una serie di primi indizi, utili per comprendere la situazione personale.
  • Qual'è l'indumento che più di ogni altro viene considerato di moda? le scarpe ovviamente. Eppure, essendo l’accessorio che – letteralmente – ci tiene in piedi durante l’arco della giornata, alle scarpe sarebbe necessario dedicare un’attenzione maggiore per ciò che riguarda qualità e altezza dei tacchi, nel caso delle donne. So che non ci si pensa, eppure, un paio di scarpe dai tacchi troppo alti, sbilancia l’andatura, modifica il naturale assetto posturale e, come conseguenza, ecco che arrivano dolori e infiammazioni alla colonna e al tratto cervicale. L’altezza giusta dei tacchi? Massimo 5 centimetri, e le scarpe dovrebbero calzare comodamente, ed essere realizzate con materiali morbidi, microaerati e che non costringano i piedi.
  • Un gran numero di persone che soffrono di attacchi di dolore al tratto cervicale, hanno la soluzione in bocca. Eh si, lo dicono gli esperti: molte persone non si rendono conto di soffrire di malocclusione, un disturbo causato da una cattiva e sbilanciata chiusura delle due arcate dentarie. Se, ad esempio, l’arcata dentale superiore – quando si chiude la bocca – non tocca l’arcata dentale inferiore, si parla di malocclusione, ed esistono diverse tipologie di questo disturbo, a seconda della posizione delle due arcate quando si chiude la bocca. Ma da cosa può dipendere a sua volta, la malocclusione? A volte è di origine genetica: si nasce con questo tipo di predisposizione. Altre volte invece, a monte della malocclusione, possono esserci interventi di estrazione dei denti, non seguiti dal loro reinserimento: le cavità che restano, provocano un disequilibrio nell'occlusione dentale. La soluzione in questo caso, è una visita dentistica, che appurerà se effettivamente si soffre di questo sbilanciamento, per trovare possibili soluzioni col dentista di fiducia.massaggio-cervicale-per-ridurre-linfiammazione
  • L’usura è uno degli aspetti che più può influenzare la comparsa del mal di testa cervicale. Con l’avanzare dell’età, tutto va ad usurarsi, comprese le articolazioni. Ecco quindi che, a causa della frizione esercitata dai movimenti costanti sul tratto cervicale, viene a crearsi un assottigliamento delle vertebre, con la conseguenza di essere colpiti da attacchi di dolore, quelli tipici dell’artrosi cervicale.
  • Quando fuoriesce una porzione della polpa contenuta tra le vertebre cervicali, ecco che si parla di ernia cervicale, una condizione che può essere la conseguenza di un incidente in cui si sia subito il classico "colpo di frusta" o, come scritto prima, anche per la postura scorretta o per l'usura che viene a generarsi col passare del tempo.

Sintomi del mal di testa cervicale

Anche se si chiama mal di testa cervicale, il sintomo che affligge chi ne soffre non si limita ad essere un mal di testa più o meno intenso: anche altre parti del corpo sono coinvolte. Le spalle, le braccia, il collo e persino le mandibole infatti, il dolore può essere così acuto da ridurre i movimenti irrigidendo il corpo fino ad un possibili condizioni di invalidità parziale nei casi più gravi. Non è tutto: tra i sintomi infatti, si possono riscontrare anche:

  • Fitte;
  • Giramenti di testa;
  • Formicolio agli arti superiori;
  • Dolore muscolare al collo e alle spalle;
  • Rigidità;
  • Offuscamento della vista;
  • Scricchiolio interno quando si muove o si gira la testa;

Se ti riconosci in questi sintomi, soffri certamente di mal di testa cervicale. Inoltre, nel momento in cui arriva un attacco di dolore – che può anche protrarsi per giorni, significa che una serie di condizioni negative  sono venute a crearsi, fino a generare l’infiammazione dei muscoli, dei nervi e del tratto cervicale.

Mal di testa cervicale: le soluzioni

  • Innanzitutto, per risolvere davvero questo problema, è necessario rivedere il proprio stile di vita, partendo da un’attenta analisi della postura, magari sottoponendosi a una visita posturale, e andando avanti con una visita dentistica per assicurarsi di non avere una malocclusione dentale.
  • La visita posturale, determinerà eventuali squilibri della postura in senso generale, permettendo all'esperto di consigliare esercizi fisici appositi, che servono a distendere la muscolatura, ma anche a riprendere contatto con tutto il corpo: rendersi conto di come ci si muove e di come ci si dovrebbe muovere correttamente, è un passo molto importante verso la guarigione.
  • Altra cosa, come già accennato e per ciò che riguarda il mondo femminile: provare a cambiare tipo di calzature e sceglierne un paio con tacchi non superiori ai 5 centimetri. Ovvio che, sporadicamente, si possano calzare scarpe con tacchi superiori ai 5 centimetri, ma non deve diventare la norma o i dolori si presenteranno con più frequenza.
  • Esistono anche soluzioni farmacologiche o con l'aiuto di integratori come per esempio l'assunzione di magnesio supremo. Questo integratore infatti, che spesso a causa di dieta sbilanciata o stile di vita scorretto è carente nell'organismo, ha tra le varie peculiarità quella di distendere la muscolatura, agendo anche sulle infiammazioni e quindi sul dolore.
  • Altrimenti si possono assumere farmaci antinfiammatori su consiglio del medico curante. Ne esistono di varie specie, anche su base naturale, come ad esempio le compresse di Artiglio del Diavolo, venduto anche nelle erboristerie.
  • Un buon massaggio, fatto da mani esperte può seriamente fare la differenza e addirittura far passare il mal di testa cervicale, fate una visita dal fisioterapista per conoscere meglio l'entità del problema e trattarlo con il massaggio più corretto.
  • Un altro ottimo rimedio naturale è l'olio di iperico che con le sue proprietà anti infiammatorie può aiutarvi a ridurre il dolore dovuto all'infiammazione nei casi più blandi.
  • Un esercizio mirato è indispensabile per prevenire e curare il dolori cervicali e con essi anche il mal di testa, basta una mezz'oretta al giorno per rinforzare la muscolatura e sciogliere la rigidità della zona colpita.

massaggio-cervicale-per-ridurre-linfiammazione

Esercizi contro il mal di testa cervicale

Qui di seguito ho deciso di lasciarvi una serie di esercizi per rinforzare il tratto cervicale, ideali per prevenire il problema del mal di testa cervicale. Tali esercizi sono da eseguirsi preferibilmente in posizione seduta, su un supporto stabile e confortevole. Ogni posizione va mantenuta 45-60 secondi, inframmezzata da periodi di pausa altrettanto lunghi. Il respiro dev'essere il più possibile naturale ed armonico, senza pause. Dal momento che ne va della salute dell’intero organismo e della qualità della vita dell’individuo, gli esercizi andrebbero svolti quotidianamente, con costanza, applicazione e profonda attenzione.

  • Allungamento dei muscoli scaleni: inclinare lateralmente il collo con l'ausilio della mano e distendere la spalla controlaterale. Questo esercizio si può enfatizzare mettendo in mano un piccolo manubrio per aumentare il grado di stiramento.
  • Allungamento del muscolo trapezio: ruotare il collo, portando la mano controlaterale dietro la schiena con spalla abbassata.
  • Allungamento muscolo ioideo: estendere la testa, mentre inspiriamo ed espiriamo lentamente.
  • Allungamento dei muscoli muscoli ioidei: estendere il collo, aprire al massimo la bocca e poi chiuderla lentamente nel momento in cui si è arrivati alla massima estensione del tratto cervicale.
  • Autotrazione cervicale: mantenendo lo sguardo fisso davanti a sé, le spalle leggermente abbassatee in atteggiamento di “apertura”, spingere il mento posteriormente e verso l’alto, fino quasi a creare una sorta di doppio mento. Eseguire l’esercizio sia mantenendo tale postura per 10 secondi sia ripetendola in serie (almeno 2 serie da 10 ripetizioni per sessione).
  • Allungamenti muscolo sternocleidomastoideo:
  1. Inclinare lateralmente il collo, passare per la posizione di partenza e sostarvi per recuperare, e poi ripetere l’inclinazione dall'altro lato.
  2. Dopo aver flesso leggermente il capo, eseguire delle rotazioni da un lato e dall’altro, passando per la posizione di riposo.
  3. Ruotare, inclinare lateralmente ed estendere il capo (i movimenti devono essere effettuati in questa sequenza e sempre dallo stesso lato).

 

Tutti i rimedi per prevenire e far passare il mal di testa cervicale
Vota questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *