• Corpo > Cellulite: rimedi e precauzioni per scacciare gli edemi

Cellulite: rimedi e precauzioni per scacciare gli edemi

Tempo di lettura: 6 minuti

Dedichiamo questa pagina alla cellulite, un problema molto comune al giorno d'oggi, che crea disagio e imbarazzo alle ragazze che ne sono affette. Non preoccupatevi però, qui finalmente potrete trovare le migliori soluzioni per combattere questo fastidioso inestetismo della pelle con ottimi risultati, grazie ad un attenta prevenzione, una cura giornaliera del vostro corpo a qualche rimedio naturale che non fa mai male.

In questa guida non vi offriremo improbabili cure o creme miracolose, ma a partire da un'analisi del problema attueremo insieme delle strategie preventive e curative che agiscono su di esso direttamente o indirettamente per risolverlo. Conoscere approfonditamente il “nemico” è il nostro primo obbiettivo, a questo proposito analizzeremo le tipologie di cellulite, focalizzando l' attenzione sulle principali cause e sulle migliori strategie per attenuare drasticamente questo fastidioso inestetismo, agendo sui fattori che fanno insorgere il problema stesso.

Inoltre abbiamo dedicato un articolo completo ai rimedi naturali contro la cellulite, consigli che vi aiuteranno ad attenuare le dimensioni degli edemi e rassodare cosce e glutei, consultate la pagina.

Che cos'è la cellulite?

Magari non tutti sono a conoscenza del fatto che non esiste un’unica tipologia di cellulite, ma ce ne sono diversi tipi con differenti cause e differenti trattamenti terapeutici: li esamineremo di seguito, ponendo particolare attenzione alla cellulite estetica, quella più comune, diffusa e su cui potremmo agire in maniera diretta.

Cellulite infettiva

effetti-della-cellulite-300x198 Cellulite: rimedi e precauzioni per scacciare gli edemi

Il primo caso che tratteremo, in maniera sintetica poiché si tratta di un problema poco diffuso e di pertinenza puramente clinica, è la cellulite infettiva che consiste in una vera e propria infezione del tessuto connettivale sottocutaneo: essa provoca arrossamento e un evidente rigonfiamento della zona infetta.

La cellulite infettiva è solitamente causata da batteri che, penetrando all'interno della pelle, generano delle rotture della superficie epiteliale. Tra le maggiori cause annoveriamo lo Streptococcus pyogenes. Questo tipo di cellulite va curato attraverso una terapia antibiotica ai fini di eliminare l'infezione batterica.

Cellulite estetica

La cellulite estetica o liposclerosi, colpisce quasi la metà della popolazione, di questa grande fetta il 92% degli interessati sono donne e 8% uomini. Si manifesta attraverso tre fasi di crescita:

  • Fase Edematosa: si crea un accumulo di liquidi nel tessuto adiposo dando forma ad un edema, le zone prevalentemente soggette sono soprattutto braccia, cosce e polpacci.
  • Fase Fibrosa: il tessuto connettivo si indurisce dando forma ad una fibrosi, indurendo così anche il tessuto adiposo circostante, generando piccoli noduli e l'effetto a buccia d'arancia sulla pelle.
  • Fase Sclerotica: si genera una sclerosi, il tessuto rigido si indurisce ulteriormente, provocando dolore. Crescono noduli di dimensione maggiore.

La cellulite estetica poi si può manifestare attraverso forme differenti, caratterizzate da specifici sintomi, che colpiscono individui con caratteristiche fisiche e abitudini di vita diverse. Vediamo ora i vari casi in cui si può manifestare e successivamente vi spiegheremo com'è possibile agire per risolvere i danni della cellulite.

Solitamente queste tipologie si suddividono in:

  • Cellulite compatta;
  • Cellulite molle;
  • Cellulite edematosa.

Cellulite compatta

Gli individui con una muscolatura tonica e con una discreta forma fisica sono più soggetti a questo tipo di cellulite: essa provoca nella maggior parte dei casi dolori nella zona interessata a cui si associano evidenti smagliature della pelle, sintomo dei problemi a livello di fibre elastiche nel derma, le parti del corpo più colpite sono cosce, ginocchia e glutei.

Si tratta della forma più diffusa e comune, molto dura al tatto ma non modifica la sua forma in base alla posizione del soggetto, spesso viene accompagnata da problemi di circolazione, affaticamento linfatico o venoso, soprattutto negli arti inferiori.Cellulite molle

Le persone di mezza età sono particolarmente soggette a questo tipo di cellulite, in particolare individui con prevalenza di tessuto ipotonico o persone con peso molto variabile. La cellulite molle, localizzata prevalentemente su braccia e cosce, è caratterizzata da noduli e ammassi di tessuto adiposo mobile, non provoca particolare dolore al tatto o al movimento.

Cellulite edematosa

Questo particolare tipo di cellulite comprende una componente idrica oltre che a quella adiposa, causando la presenza nei glutei e nelle cosce di tessuti dall'aspetto spugnoso e molto gonfio.

Si presenta negli stadi iniziali come una semplice pesantezza degli arti inferiori, col passare degli anni si aggiungono problemi ai vasi linfatici e sanguigni accompagnati da dolori al tatto. Nello stadio finale il tessuto spugnoso tende addirittura a cascare, e nei casi estremi oscillare al movimento. In queste situazioni la terapia è davvero difficile: gli esercizi danno spesso pochi risultati, ma se effettuati in maniera costante e mirata possono davvero fare la differenza.

Quali sono le cause alla base della cellulite?

Come abbiamo già accennato, conoscere le cause è il primo passo per capire e curare la cellulite, pertanto ci raccomandiamo di porre molta attenzione ai fattori scatenanti, in modo da riuscire a trovare autonomamente uno strumento personale che faccia al nostro caso.

Prima di tutto la cura del corpo deve essere il centro focale su cui si baserà la nostra terapia, capire e soddisfare le esigenze del nostro organismo è più importante passo per la lotta contro la cellulite.

I fattori che possono influenzare la comparsa della cellulite in qualsiasi sua forma sono numerosi e differenti, alcuni dipendono dal nostro modo di vivere, altri dalle caratteristiche di ogni singolo individuo, altri ancora sono completamente indipendenti da noi.

La causa scatenante che da origine all'accumulo di liquidi nel tessuto adiposo è riscontrabile in un cattivo funzionamento del microcircolo, quell'insieme di piccoli vasi, attraverso i quali avvengono gli scambi metabolici tra sangue e tessuti, pertanto ogni agente che influenza o danneggia questo fragile meccanismo rischia di aggravare le condizioni della cellulite.

Cause al di fuori del nostro controllo

La cellulite, come abbiamo già accennato in precedenza, ha una maggior incidenza sulle donne rispetto agli uomini, a causa dell'azione degli ormoni femminili a livello dei recettori ormonali, non è un caso infatti che i problemi di cellulite inizino a presentarsi nella donna durante o a seguito del periodo adolescenziale, ove gli estrogeni subiscono, in breve tempo, precipitose variazioni.

Tra le cause della cellulite gli sbalzi ormonali rivestono un ruolo di rilevanza, provocando disfunzioni nella circolazione che aumentano la probabilità d'incidenza del problema.

effetti-della-cellulite-300x198 Cellulite: rimedi e precauzioni per scacciare gli edemi

Elementi del tutto soggettivi

Anche durante il periodo del ciclo mestruale le donne sono più soggette ai danni provocati dalla cellulite a causa degli sbalzi ormonali, in particolar modo l'effetto buccia d'arancia.

Tali sbalzi ormonali avvengono in maniera ancora più evidente durante la gravidanza, provocando conseguenze positive e negative. Da un lato possiamo riscontrare un miglioramento dell'umore e dell'appetito, ma d'altra parte si aggrava notevolmente la condizione della circolazione sanguigna. Aumentano i rischi di cellulite anche dopo la menopausa in mancanza di una terapia ormonale che vada a sostituire le normali dosi di estrogeni presenti nel sangue.

Ovviamente le conseguenze sono molto soggettive e dipendono dalle condizioni fisiologiche del singolo individuo.

Le nostre abitudini quotidiane sono importanti

Ci sono numerosi fattori che incidono nella comparsa della cellulite, la maggior parte correlati al danneggiamento dei piccoli vasi, relativi alla circolazione, o ad uno stile di vita scorretto o poco bilanciato:

  1. Un accumulo di adipe può essere causato da una alimentazione poco equilibrata, basata sull'assunzione di grassi, favorendo la ritenzione idrica e quindi la cellulite.
  2. Una vita sedentaria con scarso movimento e raro sforzo fisico affievolisce il tono muscolare e mette a rischio la circolazione, in particolare delle gambe. Ricordate che un movimento costante e quotidiano aiuta a bruciare i grassi e favorisce il metabolismo.
  3. Il troppo tempo in piedi in una condizione di sforzo superiore alla norma può causare problemi a livello circolatorio e conseguente rischio di cellulite.
  4. Anche una postura erronea può aggravare la condizione dei vasi sanguigni, accavallare le gambe o posizionarle in maniera “scomoda” comprime il circolo, causando rischi di cellulite anche gravi.
  5. L'abbigliamento, stringendo troppo sul corpo rischia di causare problemi di circolazione e quindi cellulite, attenzione ai jeans troppo attillati o scarpe strette o col tacco.
  6. Stress e fumo sono alleati della cellulite, il primo genera sbalzi ormonali non differenti, mentre il secondo con i suoi effetti di vasocostrizione danneggia il microcircolo permanentemente.
  7. Gli individui con qualche chilo di troppo sono più soggetti a questo grave disturbo: un'alimentazione bilanciata sta alla base di un corpo sano, non solo libero da cellulite, ma da altri gravi problemi che rischiano di affliggere un individuo con un sistema immunitario più fragile, per avere maggiori informazioni su al riguardo visitate la sezione dedicata all'alimentazione.effetti-della-cellulite-300x198 Cellulite: rimedi e precauzioni per scacciare gli edemi

Adottiamo qualche rimedio preventivo

Se parliamo di cellulite la prevenzione è un’arma indispensabile e alla portata di tutti per combattere il problema, andando a modificare leggermente le nostre abitudini potremmo con un po di buona volontà diminuire fortemente le probabilità di esserne colpiti. Come abbiamo precedentemente detto, ogni agente che va ad aggravare la condizione della circolazione sanguigna, soprattutto negli arti inferiori, rischia di aumentare il rischio cellulite.

Consigliamo pertanto di:

  • Stabilire una dieta ricca di fibre, frutta e verdura, con orari di pasto regolari, senza eccessi di alcun genere;
  • Bere molta acqua;
  • Cercare di eliminare fumo e alcool;
  • Praticare sport assiduamente o almeno praticare qualche attività fisica quotidianamente: anche una semplice passeggiata può diminuire drasticamente il rischio cellulite;
  • Iniziare a assumere una postura corretta;
  • Scegliamo un'abbigliamento non eccessivamente stretto;
  • Proviamo ad occuparci della salute della nostra pelle, attraverso creme idratanti, rimedi naturali o integratori alimentari.

Rimedi terapeutici contro la cellulite

Se invece la cellulite ha già fatto capolino sul vostro corpo e state cercando dei rimedi efficaci per eliminare o almeno alleviarne gli effetti, vi consigliamo prima di tutto di cominciare ad assumere uno stile di vita sano e seguire i nostri consigli preventivi, favorendo infatti il benessere del vostro corpo lo aiuterete a debellare il problema o almeno non lo aggraverete.

Il secondo passo sta nel trovare la terapia che più si adatta alle nostre esigenze. Ci sono numerosi trattamenti estetici per alleviare i danni della cellulite, ne vedremo ora alcuni di cui tratteremo in maniera più approfondita in articoli più specifici:

  • Mesoterapia: è un trattamento di carattere clinico, consiste in leggere iniezioni sottocutanee intradermiche, a base di piccole dosi di farmaci, quali anestetici, vasodilatatori o vitamine.
  • Pressoterapia: è una terapia che consiste nell'inserire gli arti inferiori in degli appositi gambali che gonfiandosi e sgonfiandosi, riattivano la circolazione e drenano i liquidi. Questa pratica è consigliata maggiormente a pazienti che presentano anche gonfiori ed edemi.
  • Linfodrenaggio: particolare massaggio che ha la finalità di riattivare la circolazione linfatica, attraverso una pressione costante, movimenti lenti e delicati nelle zone giuste, il sistema linfatico torna a smaltire in maniera ottimale le tossine dell'organismo.
  • Ginnastica passiva: attraverso uno specifico strumento di stimolazione elettrico viene involontariamente contratto il muscolo, migliorando il tono muscolare e riattivando la circolazione.
  • Ionoforesi: applicata nelle zone soggette a cellulite questa tecnica avanzata aiuta l'assorbimento delle sostanze farmacologiche e dei principi attivi, attraverso una carica di corrente continua, passante da un polo positivo ad uno negativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.