• Corpo > Guida completa ai bendaggi anticellulite

Guida completa ai bendaggi anticellulite

Tempo di lettura: 4 minuti

L’arrivo della bella stagione, pone sempre gli stessi quesiti, tipo:  “Potrò affrontare la prova costume?" Effettivamente, questo è uno dei crucci che assillano le donne di ogni età: l’arrivo dell’estate, delle agognate vacanze estive, del mare e della prova costume. Oltre al fatto che, un po' tutti, durante l’inverno ci lasciamo andare a un’alimentazione più ricca di grassi e carboidrati, che regalano quei chili di troppo da smaltire prima che arrivi l’estate, esiste però una problematica, molto più diffusa di quanto si immagini, che si chiama “cellulite”.

A livello di immagine, la cellulite fa la sua comparsa preferibilmente su glutei, cosce e addome, e – nei casi più gravi – mostra le tipiche fossette che rendono la cosiddetta "pelle a buccia di arancia”.

I sistemi per migliorare la situazione esistono: dai trattamenti specifici da eseguire presso studi medici qualificati, ai massaggi drenanti, alle creme anticellulite. Ovviamente, a seconda del trattamento che si decide di adottare, è bene sapere che si otterranno più o meno benefici. Il semplice massaggiare una crema sulle zone interessate dalla cellulite, non potrà certamente sconfiggerla: semmai, migliorerà la consistenza della pelle. Ma attenzione: esiste anche un trattamento forse ancora poco conosciuto, ma che può davvero risultare molto efficace. Si tratta dei bendaggi anticellulite. Di cosa si tratta? Come si usa? Segui la guida che trovi leggendo oltre, e scoprirai tutto ciò che devi sapere.

Cosa sono i bendaggi anticellulite

Partiamo dicendo che si tratta di un trattamento estetico drenante, che è possibile fare sia presso i centri estetici che lo propongono, sia in casa, seguendo alcune istruzioni che troverai più avanti.

Come dice lo stesso nome, sono bende che vanno immerse in composti contenenti principi attivi mirati che, una volta entrate a contatto con l’epidermide grazie al bendaggio, e tenuti in posa per qualche tempo, per effetto osmotico – cioè il passaggio dei principi attivi agli strati dell’epidermide – donano un potente effetto drenante e antinfiammatorio delle cellule adipose che originano la cellulite.

Scegliere questo tipo di trattamento della cellulite, può essere la soluzione perfetta per chi ha una cellulite di primo e secondo grado, quella cioè più giovane e meno marcata. Per situazioni più gravi, è necessario il parere di un bravo medico estetico, senza però togliere il fatto che, in ogni caso, i bendaggi anticellulite sono benefici e quindi, possono coadiuvare altri tipi di trattamento.

Come si usano

Come accennato, si tratta di bende – composte di tessuto di garza – che, dopo esser state immerse nelle sostanze che hanno la proprietà di trattare per osmosi l’epidermide in cui appare l’aspetto a buccia di arancia, devono essere applicate sulle zone critiche, esattamente bendandole.

Dopodiché, il bendaggio va lasciato in posa per almeno mezz’ora. Attenzione però: nel caso di trattamento alle cosce, le bende devono essere applicate in senso spiroidale, in maniera da coprire tutta la zona senza dover impiegare troppi metri di tessuto.

Bendaggi caldi e bendaggi freddi

Un’altra cosa importante da sapere: questo tipo di bendaggi, che vengono utilizzati anche per altre tipologie di inestetismi, possono essere freddi o caldi.

  • I cosiddetti bendaggi freddi sono solitamente utilizzati per trattare gonfiori localizzati, per trattamenti rassodanti, per trattamenti contro il senso di pesantezza delle gambe o per un benefico effetto sul sistema circolatorio.
  • Quelli caldi invece, hanno un benefico effetto vasodilatatorio, che contribuisce a stimolare la circolazione periferica e a far penetrare meglio i principi attivi anticellulite.

ATTENZIONE: se si pensa di essere troppo sensibili al calore o in presenza di vene capillari o varicose, meglio scegliere i bendaggi freddi.radiofrequenza-cellulite Guida completa ai bendaggi anticellulite

Principi attivi utili per il bendaggio anticellulite

Ovviamente, la benda è solo il supporto che è necessario a mantenere il contatto tra i principi attivi e l’area da trattare. Ecco quindi una lista dei principi attivi maggiormente efficaci per un buon bendaggio anticellulite:

  • Centella asiatica;
  • Soluzioni saline (Sali del Mar Morto);
  • Alghe riducenti;
  • Fanghi riducenti;
  • Olii essenziali (ad esempio quello di pompelmo);

Sarà l’estetista a decidere insieme a te, quali principi attivi sono più adatti al tuo caso o quali trattamenti già pronti all'uso utilizzare.

Bendaggi anticellulite fai da te

Se vuoi provare questo trattamento puoi tentare di farlo in casa. Non è difficile e ha costi contenuti. Dovrai procurarti:

  • Fasce per bendaggi: li trovi in vendita dai fornitori di centri estetici, in alcune erboristerie e farmacie;
  • Acqua: circa 300ml;
  • 100gr di sale, meglio se sale del Mar Morto;
  • Argilla verde q.b.
  • 8 gocce di olio essenziale di pompelmo;
  • Pellicola trasparente, del tipo per alimenti;

Procedimento:

  • Metti l’acqua in una pentola e portala a ebollizione;
  • Fai sciogliere i 100 gr di sale nell’acqua;
  • Spegni il fuoco e inizia ad aggiungere man mano l’argilla verde, continuando a mescolare, e fino a che avrai ottenuto un composto semi-liquido e ben amalgamato;
  • Aggiungi ora le otto gocce di olio essenziale di pompelmo e mescola ancora;

Come procedere al trattamento:

  • A questo punto, prendi le bende, immergile nel composto fino a imbibirle perfettamente nella miscela. Partendo dal piede, inizia a fasciare – senza stringere – arrivando fino all’addome. Esegui lo stesso sull'altra gamba dall’altra parte.
  • Una volta stese le bende, copri tutto con la pellicola trasparente, e lascia in posa per 30/40 minuti, possibilmente restando stesa e con le gambe rialzate.
  • Dopodiché, entra nella vasca da bagno, togli i bendaggi e fai una doccia con acqua tiepida e senza alcun tipo di detergente.
  • Per ottenere i migliori benefici, ripetere a giorni alterni per cinque volte. Da ripetere con intervalli di tre giorni da un ciclo all’altro fino a che non noti un miglioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.