Come seguire un esempio di dieta chetogenica

Tempo di lettura: 3 minuti

Quando si parla di dieta e di dimagrimento subito si pensa alle diete più strette e rigide e a dover perdere chissà quanti chili, ma delle volte ci può essere anche la necessità di dover perdere pochi chili, ma in tempi stretti.

Questo accade molto spesso quando si praticano alcuni sport che richiedono il mantenimento del peso ideale, ma anche in quelle circostanze in cui avere una taglia in meno è auspicabile. In tutti questi casi una delle diete più efficaci è quella chetogenica vediamo di cosa si tratta, a chi è indicata e a chi no e uno schema esemplificativo per chi volesse provarla.

Cos'è la dieta chetogenica e come funziona

pollo-grigliato Come seguire un esempio di dieta chetogenicaPer dieta chetogenica s'intende una dieta praticamente priva dell'apporto dei carboidrati e iperproteica dove quindi si assume un alto contenuto di proteine.

Il suo funzionamento si basa sulla chetosi, ovvero quel "meccanismo" per cui il corpo consuma tutti i grassi forniti con l'alimentazione, ma non trovando apporto energetico attraverso l'elaborazione dei carboidrati (zuccheri) va ad attingerli dalle riserve dell'organismo, in questo modo si assiste a un rapido dimagrimento.

A chi è adatta, a chi no e che rischi comporta

  • Questa è una dieta adatta a chi ha bisogno di perdere 2 o 4 kg in un lasso di tempo breve, dai 3 ai 7 giorni, a chi pratica degli sport, come fantini (un tipo di dieta chetogenica è proprio la dieta chiamata del fantino) o a chi per un'occasione particolare deve tornare velocemente in forma.
  • Non è invece una dieta adatta a chi ha problemi renali, di fegato, alle donne incinta o che allattano o in presenza di particolari patologie come ipercolesterolemia, colesterolo alto. Il rischio di questa dieta è quello di andare a caricare di lavoro eccessivo proprio fegato e reni, quindi non andrebbe protratta per un periodo più lungo di una settimana.

Esempio di dieta chetogenica settimanale

Lunedì

  • Colazione: uova strapazzate e un bicchiere di latte;
  • Spuntino: due noci;
  • Pranzo: pancetta arrosto con cipolla;
  • Merenda: una fetta di formaggio a piacere;
  • Cena: coscia di pollo al vapore con contorno di lattuga;

Martedì

  • Colazione: yogurt con frutta secca;
  • Spuntino: un formaggino;
  • Pranzo: spiedini di maiale con verdure al vapore;
  • Merenda: due noci o 4 nocciole;
  • Cena: una fetta di tonno ai ferri con verdure;

Mercoledì

  • Colazione: uova strapazzate e bacon;
  • Spuntino: una fettina di formaggio a piacere;
  • Pranzo: salsicce di tacchino e fiocchi di latte;
  • Merenda: un bicchiere di latte;
  • Cena: bistecca di manzo ai ferri su lettino di coste di sedano;

Giovedì

  • Colazione: una fetta di formaggio fresco;
  • Spuntino: una manciata di pistacchi;
  • Pranzo: alette di pollo ai ferri con broccoli;
  • Merenda: tre fette di prosciutto cotto;
  • Cena: bresaola con rucola e grana;

Venerdì

  • Colazione: un bicchiere di latte e tre mandorle;
  • Spuntino: una fettina di pane di segale con prosciutto cotto;
  • Pranzo: arrosto di agnello in crosta di arachidi tritate;
  • Merenda: fiocchi di latte;
  • Cena: 2 uova sode e un gambo di sedano a crudo o condito con olio evo;

Sabato

  • Colazione uova strapazzate con erbette profumate;
  • Spuntino: un bicchiere di latte;
  • Pranzo: hamburger di maiale con verdura a foglia verde;
  • Merenda una fetta di formaggio a piacere;
  • Cena: pasticcio di uova e tonno;

Domenica

  • Colazione: salmone affumicato e un bicchiere di latte;
  • Spuntino: due fette di salame e due di mozzarella;
  • Pranzo: fettina di vitello con aglio e prezzemolo e spinaci bolliti;
  • Merenda; un uovo a la coque;
  • Cena: una spigola al forno con cavolfiore;

Consigli pratici

pollo-grigliato Come seguire un esempio di dieta chetogenicaLa dieta chetogenica prevede l'eliminazione dei carboidrati, tuttavia sono ammessi per una porzione che non superi i 50 grammi al giorno, che siano sotto forma di pane o di verdure. Non si dovrebbero includere nel menù settimanale riso, pane, pizza, frutta e buona parte delle verdure. Ovviamente non si dovranno prendere in considerazione le bevande nervine, gassate o zuccherate, dolci di nessun tipo.

Possono essere incluse nella dieta fragole e avocado, funghi sedano e broccoli che hanno un basso contenuto in carboidrati. Importante invece assumere anche proteine vegetali come quelle che si trovano nelle noci, nocciole, mandorle, pistacchi, insomma, nella frutta secca in generale.

Ci sono diverse versioni di questa dieta, quelle più drastiche includono un consumo maggiore di uova e non devono durare più di tre giorni. Altre, invece, sono più soft e ammettono, appunto, una piccola quantità di carboidrati, in questo caso si può anche andare oltre la settimana se la salute lo consente. Si consiglia comunque di interrompere immediatamente se si avvertono sensazioni insolite come eccessiva debolezza, vertigini, nausea, dolori all'addome, astenia.

Per un risultato ottimale è bene abbinare dell'attività fisica che aiuterà a velocizzare il metabolismo e quindi a raggiungere più in fretta i risultati che ci si è prefissati. Una volta interrotta la dieta bisogna cercare di mantenere il peso raggiunto con un'alimentazione sana e moderata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.