• Alimentazione > Come funziona la dieta del minestrone: si può usare quello surgelato?

Come funziona la dieta del minestrone: si può usare quello surgelato?

Tempo di lettura: 3 minuti

L’estate è alle porte, e – come ogni anno – inizia il tormentone della dieta. Chi non conosce il periodo in cui si inizia a pensare alle vacanze e, con occhio critico, si guarda alla linea del proprio corpo, valutando l’urgenza di perdere qualche chilo…

D'altronde, durante la stagione invernale, tra abbuffate festive e minore attività fisica – il freddo toglie la voglia di andare in palestra e la pioggia di fare Jogging – quei chiletti in più sembrano proprio far parte dell’armamentario invernale di donne e uomini di tutte le età. Per chi volesse davvero asciugare il corpo, appiattire l’addome, e arrivare alla fatidica “prova costumeè proprio questo il periodo giusto per affrontare il problema chili di troppo. Quattro mesi per una dieta dimagrante e disintossicante, i tempi sono giusti, per non essere costretti – all'ultimo momento – a dannose maratone di attività fisica e diete drastiche, che oltre che a minare la salute, nella maggior parte dei casi non funzionano in tutti i casi.

Hai mai sentito parlare della dieta del minestrone? È abbastanza diffusa e utilizzata, in special modo da chi preferisce un’alimentazione sana e che abbia una caratteristica depurativa sull'organismo e anche drenante. Ma come funziona la dieta del minestrone? Devo preparare un minestrone con le verdure tutti i giorni o posso utilizzare il minestrone surgelato?

Proprietà della dieta del minestrone

Innanzitutto: attenzione alle diete lampo. Hanno sempre degli effetti collaterali e la maggior parte delle volte portano dei risultati immediati si ma poco duraturi. Più in generale, prima di affrontare una dieta, è sempre bene parlarne col proprio medico di fiducia, specialmente se si è affetti da patologie di qualsiasi genere, e ancor di più, se si soffre di diabete o problemi legati alla tiroide.

Fatta questa doverosa premessa, eccoci alla spiegazione della dieta del minestrone.

  • Come è ovvio che sia, la base fondamentale di questa dieta è il minestrone, quella deliziosa zuppa composta di verdure miste, accompagnata a volte da riso o pasta.
  • Affinché però il minestrone sia dietetico, sarà necessario eliminare gli elementi che concorrono ad aumentare il numero delle calorie introdotte come appunto il riso e la pasta.
  • Anche la quantità di minestrone che si assume, deve essere calibrata. Qualsiasi alimento, anche il più dietetico, se assunto in quantità industriali difficilmente potrà farci dimagrire.
  • Anche i condimenti sono fondamentali: non vanno eliminati, ma aggiunti con moderazione. Un filo di olio extra vergine di oliva sul minestrone, non solo arricchisce il sapore, ma fa bene alla salute, ma non esageriamo.
  • Non volendo diffondere la tipologia di dieta del minestrone nella variante più restrittiva – quelle che promettono di perdere 7 chili in 7 giorni – che non è salutare per nessuno, ecco uno schema per perdere peso costantemente, ma senza ritrovarsi con la salute in pericolo.

Dieta del minestrone soft

Per far si che il metabolismo abbia una sorta di “scossa” e si risvegli dal letargo, per le persone in ottima salute si può affrontare questa dieta decidendo – solo due giorni a settimana – di nutrirsi esclusivamente di minestrone, con una colazione leggera a base di tè o caffè edulcorati con fruttosio e un paio di fette biscottate con un cucchiaino di miele.

Nei giorni restanti:

  • Colazione: tè o caffè o una tisana di tè verde, edulcorati con poco miele o con fruttosio, un frutto a scelta tra mela o kiwi
  • A metà mattina: una tisana di finocchio, o di tè verde o di altro tipo e una mela
  • A pranzo: minestrone con riso, una fetta di pane integrale, una fetta di petto di pollo alla griglia oppure 150 gr di tonno al naturale, un kiwi
  • Merenda: una tisana oppure un centrifugato di verdura come finocchio e carota con una fettina di zenzero
  • Cena: minestrone senza riso, fetta di vitella in padella con un filo di olio e spezie per insaporire, un frutto a scelta tra mela, pera o kiwi

Questo schema è la base della dieta del minestrone, da intervallare da uno o due giorni di alimentazione a base di solo minestrone, per chi ha qualche chilo in più da perdere rispetto a chi ne vuole perdere solo due o tre.

ATTENZIONE: il minestrone perfetto per una dieta dimagrante, non deve contenere le patate e nemmeno i legumi, alimenti che rischiano di aumentare la quota di calorie giornaliere.dieta-del-minestrone-surgelato Come funziona la dieta del minestrone: si può usare quello surgelato?

Minestrone: va bene anche surgelato?

Una delle domande più frequenti sulla dieta del minestrone: “Va bene anche quello surgelato”? la risposta è: dipende dal tipo di minestrone. Come nel minestrone preparato con verdure fresche, se si decide di utilizzare quello surgelato non devono essere presenti né patate né legumi.

Inoltre, è bene leggere attentamente il contenuto della confezione: devono essere presenti esclusivamente le verdure tagliate e surgelate, senza aggiunta di esaltatori di sapidità – come glutammato monosodico, inosilato disolico o guanilato – dal momento che possono avere un effetto ingrassante e comunque, tendono a far ritenere i liquidi corporei. Anche i conservanti possono ridurre l'efficacia della dieta perciò massima attenzione quando scegliete il vostro minestrone surgelato controllate che sia il più naturale possibile.

Per il resto, se il minestrone surgelato contiene verdure tagliate e semplicemente sottoposte a surgelazione, può essere la scelta perfetta per chi ha poco tempo e vuole seguire la dieta del minestrone.

Avete delle domande o dubbi sulla dieta del minestrone? Scriveteci qui sotto nei commenti per aiutarci ad integrare questo articolo, per tutto il resto vi lascio qua sotto i nostri approfondimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.