• Alimentazione > Quali sono i cibi che gonfiano lo stomaco e perchè?

Quali sono i cibi che gonfiano lo stomaco e perchè?

Quali sono i cibi che gonfiano lo stomaco e perchè?
Vota questo articolo

Tempo di lettura: 3 minuti

Avere un vitino da vespa non dipende solo dal peso ma anche dalla digestione: esistono infatti tutta una serie di cibi che durante gonfiano lo stomaco. Tanta aria accumulata nella pancia provoca oltre ad un disagio anche la comparsa di un'antiestetica pancetta che rende la nostra silhouette appesantita e poco aggraziata. Qui di seguito vi lasciamo una lista dei cibi che gonfiano lo stomaco in modo che conoscendoli possiate evitarli senza problemi.

Indice dell'articolo

Quali cibi gonfiano lo stomaco e perchè?

  • Le verdure crude sono necessarie per la salute ma hanno la tendenza a gonfiarsi nello stomaco soprattutto se si aggiunge aglio e cipolla crude. Pomodori, cetrioli, peperoni, a causa della fermentazione che avviene a livello intestinale provocano gonfiore e flautolenza.
  • I latticini come latte, panna e dolci a base di latte contengono lattosio, sostanza che deve essere digerita attraverso enzimi e lattasi che, se non sono presenti a sufficienza, rendono la digestione faticosa tanto da provocare un gonfiore intestinale.
  • I legumi come le lenticchie e i fagioli secchi sono dietetici e molto nutrienti ma, a causa del loro alto contenuto di fibre dure e carboidrati non biodegradabili tendono ad irritare l'intestino e causare flatulenza.cibi-che-gonfiano-la-pancia
  • Il pane bianco, la pasta , il riso, le fette biscottate i biscotti, si gonfiano nello stomaco. Preferire sempre prodotti a base di farina integrale perché contiene una maggior quantità di fibre insolubili e favorisce il transito intestinale.
  • Le bibite gassate, alcoliche, masticare gomma americana, sono tutte sostanze che fanno ingerire aria producendo difficoltà di digestione e meteorismo.
  • Le verdure della famiglia dei cavoli come i cavoletti di Bruxelles, broccoli, cavolfiori, tendono a fermentare e rallentano la digestione provocando gonfiori e gas.
  • I cibi eccessivamente salati poiché il sale, oltre ad essere un veleno per l'apparato cardiocircolatorio, causa anche problemi di stitichezza aumentando così il senso di gonfiore.
  • Gli alimenti grassi come fritti, piatti che contengono salse, biscotti e dolci alla crema, sono difficili da digerire e contribuiscono a formare il gonfiore addominale.
  • I cibi piccanti fermentano e stimolano la produzione di acidi nello stomaco gonfiandolo.
  • I frutti come la ciliegia, l'albicocca, la pesca con all'interno un unico seme osseo che, se non sono digeriti in modo corretto, provocano l'effetto della pancia gonfia.

Perchè lo stomaco si gonfia con determinati cibi?

Abbiamo capito che i cibi che fermentano sono quelli che contribuiscono maggiormente al gonfiore dello stomaco e della pancia e, secondo un articolo di Repubblica.it, il prof. Corrazziari gastroenterologo dell'Università La Sapienza di Roma spiega: "La fermentazione degli alimenti, negli individui più predisposti può comportare un accumulo di gas che, insieme all'afflusso afflusso di acqua, sono responsabili della dilatazione del lume intestinale. Questo, assieme alla particolare semsibilità di alcuni soggetti, causa quasi sempre dolore addominale. Le nuove conoscenze scientifiche sfatano il detto: "siamo quello che mangiamo". Noi siamo il cibo che siamo in grado di assorbire correttamente e soffriamo per quello che non possiamo assobrire e che la nostra flora intestinale fa fermentare".cibi-che-gonfiano-la-pancia

  • Il gonfiore di stomaco, spesso accompagnato da crampi e malessere generale, può essere provocato dalla cattiva masticazione perché la vita frenetica porta a mangiare in modo veloce e il più delle volte senza sedersi a tavola causando una cattiva digestione. Bisogna abituarsi a mangiare lentamente e bene ricordandosi che la digestione inizia dalla bocca.
  • Un'altra causa dello stomaco gonfio potrebbe essere la presenza nell'intestino di parassiti intestinali che, appena scoperti, devono essere curati poiché alterano la flora batterica. Sarà opportuno consultare il medico che prescriverà una dieta sana da seguire per almeno 2 settimane coadiuvata con erbe come il timo, la radice di bardana e le alghe contenuti in un kit di pulizia parassitaria che si acquista in erboristeria.
  • In alcuni casi, anche abbastanza frequenti, la pancia si gonfia per colpa dello stress. Se si accumulano tensioni, senso di frustrazione, conflitti, l'addome si gonfia e diventa teso. Il nostro cervello scarica lo stress attraverso la digestione fino a colpire il colon irritandolo e facendo gonfiare lo stomaco. Un aiuto efficace è ricorrere alle tecniche di rilassamento praticando yoga e meditazione che aiutano molto a livello psichico e fisico.
  • Un discorso a parte va fatto per le donne che in menopausa si ritrovano non solo ad affrontare un aumento di peso ma anche il gonfiore addominale ed un accumulo di gas dato quasi prevalentemente da una dieta sbagliata. Naturalmente il calo ormonale in menopausa è il primo responsabile della ridistribuzione del grasso e quindi del cambiamento più visibile del corpo. La diminuzione degli estrogeni e del progesterone influiscono in maniera determinante sul metabolismo che rallenta il proprio ritmo: bisogna modificare le abitudini alimentari ma anche la quantità di cibo che viene ingerita.cibi-che-gonfiano-la-pancia

Considerando che i fattori che provocano un gonfiore allo stomaco sono molteplici, sarebbe opportuno rivolgersi al medico per capirne il problema ma, poiché non esiste un test diagnostico per determinare la causa nello specifico, lo stesso potrebbe decidere di raccogliere ulteriori informazioni eseguendo test come: analisi delle feci, analisi del sangue, test di svuotamento gastrico, endoscopia o colonscospia al fine di stabilire con certezza le cause che provocano questo sintomo fastidioso e antiestetico.

Quali sono i cibi che gonfiano lo stomaco e perchè?
Vota questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *